Ricerca, valorizzazione e diffusione di musiche, canti, danze e ritualità tradizionali


"Alberi Sonori”

nasce in seguito a diverse e numerose esperienze fatte dai suoi fondatori, Giuseppe Ponzo e Cinzia Minotti, come singoli soggetti, in quello che è il contesto della tradizione popolare della loro Terra d’origine, il Sud. Si uniscono sotto “Alberi Sonori” per abbracciare progetti e finalità che hanno come punto di riferimento il recupero, la valorizzazione e la diffusione di musiche, canti, danze e ritualità popolari.

Pertanto condividono e rivendicano il ruolo del Popolo e la loro appartenenza a una Madre Terra che amano, odiano, cantano e decantano a modo loro: il Sud, che diventa il filo conduttore delle loro ricerche, del loro lavoro musicale e del loro modo di “percepire e vivere” le loro radici, radici che mettono in comunicazione diverse realtà: Molise, Abruzzo, Lazio, Puglia, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna.

Nel tempo nascono amicizie, collaborazioni, nuovi stimoli ed esperienze che apportano nuova linfa vitale e permettono di esplorare e comunicare con nuovi “mondi”  oltre i confini.

Si inizia così a dare respiro ai percorsi che ognuno dei musici ha, per passione o interesse, intrapreso nella musica tradizionale italiana e del mondo, percorsi che in un modo o nell'altro ci portiamo addosso come una seconda pelle che negli anni cresce, muta, si arricchisce, si evolve.

Da questo background nascono gli spettacoli degli Alberi Sonori, un melange ricercato e mai banale di musiche, suoni, canti e racconti, dritti al cuore delle tradizioni.